skip to Main Content

A seguito della nota (anzi: più che nota) emergenza collegata alla diffusione del CODIV-19 lo Studio Legale de Lalla ha deciso di adottare drastiche soluzione per contribuire il più possibile per l’applicazione pratica di tutte quelle condotte virtuose (ed allo stato anche obbligatorie) finalizzate a diminuire e bloccare il contagio.

precauzioni di legge contro il CODIV-19

Nessun panico e nessuna interruzione delle attività defensionali nell’interesse degli assistiti; ma molteplici e precise modalità di approccio al lavoro quotidiano ispirate alla prudenza e, soprattutto, alle indicazioni del Governo, il Ministro della Giustizia e l’Ordine degli Avvocati di Milano.
In concreto:

  • Lo Studio è operativo e l’attività non cesserà;
  • Tutti i collaboratori dello Studio danno il loro contributo da casa;
  • Solo il sottoscritto, il titolare, è fisicamente presente in Studio con un orario ridotto;
  • Ogni comunicazione (qualora nessuno risponde all’utenza fissa dello Studio allo 0236567455) potrà essere inviata via mail all’indirizzo info@studiolegaledelalla.it e riceverà un riscontro entro 12 ore.SOLO E SOLAMENTE per le EMERGENZE è possibile contattare il sottoscritto al numero 3498707091 (solo per situazione improcastinabili):
  • Sono sospese TUTTE le riunioni in Studio con i clienti e i consulenti (lo Studio de Lalla ha peraltro adottato tale precauzione anche nelle due settimane precedenti all’emanazione dei provvedimenti del 7 marzo u.s.);
  • Tramite appuntamento da fissarsi via mail è possibile concordare una video chiamata con il titolare dello Studio.
    Tali modalità rimarranno operative fino al 3 aprile.
    Dopodiché adotteremo i provvedimenti più opportuni anche alla luce delle disposizioni di legge che saranno introdotte in merito.

Da tenersi presente che:

  • tutte le udienze fino al 22 marzo p.v. sono rinviate (salvo quelle con imputati detenuti);
  • tutti i termini processuali che dovessero maturare dal 9 al 22 marzo sono sospesi e decorreranno nuovamente a partire dal 23 marzo;
  • in relazione agli avvisi di conclusione delle indagini ex art. 415 bis c.p.p. i termini a difesa sono sospesi fino al 31 marzo p.v.;
  • così come tale termine vige per le notifiche delle richieste di archiviazione ex art. 408 c.p.p.
  • l’accesso in Tribunale (a Milano) è ridotto al minimo e solo su appuntamento;
  • le comunicazioni con gli uffici Giudiziari avvengono solo per mezzo di posta certificata;
  • il deposito delle notizie di reato è limitato a quelle relative al “Codice Rosso” e gli atti urgenti possono essere depositati solo perentoriamente in die;
  • a decorrere dal 23 marzo e fino al 31 maggio 2020 i capi degli uffici Giudiziari, sentiti l’autorità sanitaria regionale, per il tramite del presidente della Giunta della Regione, e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, adottano le misure organizzative, anche in relazione alla trattazione degli affari giudiziari, necessarie per consentire il rispetto delle indicazioni igienico-sanitarie fornite dal Ministero della Salute (….) al fine di evitare assembramenti all’interno dell’ufficio giudiziario e contatti ravvicinati tra le persone (…) (Decreto-Legge 8 marzo 2020 n. 11).

Dobbiamo essere tutti responsabili e fare tutti “il nostro piccolo-grande pezzo” per superare questo momento difficile.

Un messaggio che vuole essere di impegno ma anche di fondato ottimismo.

Buon lavoro.

(Avv. Giuseppe Maria de Lalla).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Close search
Cerca